Slide background

L’ABC della previdenza professionale

Modello di certificato d’assicurazione

I dati personali della persona assicurata sono riportati sul certificato d’assicurazione.

Modello di piano di previdenza

Il piano di previdenza descrive la soluzione previdenziale del datore di lavoro.

Gli investimenti – il terzo contribuente

La cassa pensione investe a lungo termine sui mercati finanziari, in modo da poter rimunerare costantemente gli interessi sull’avere di vecchiaia e i contributi previdenziali. L’obiettivo è generare il rendimento necessario – con un rischio sostenibile – a beneficio degli assicurati. In questo contesto, gli investimenti sono spesso indicati come il cosiddetto terzo contribuente. Con il primo e il secondo contribuente si intendono il datore di lavoro e i lavoratori.

La commissione di previdenza della relativa cassa di previdenza può scegliere fra tre strategie adeguate che si differenziano principalmente per la loro quota azionaria strategica – 15%, 30% e 40% – nonché per la quota di immobili. Ulteriori informazioni sono disponibili alla pagina www.previs.ch/investimenti-patrimoniali.

Strategia d’investimento 15

Strategia d’investimento 30

Strategia d’investimento 40

Ogni cassa pensione deve orientarsi con la propria strategia d’investimento all’Ordinanza sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l’invalidità OPP2. Disciplina il volume massimo per ogni categoria d’investimento, allo scopo di ripartire uniformemente i rischi d’investimento.

La gestione di portafogli di Previs avviene internamente. Una società di consulenza esterna professionale svolge importanti compiti di consulenza per gli investimenti della cassa pensione.

Previs prende molto sul serio i diritti degli azionisti – per conto degli assicurati – e si rivolge a una società specializzata indipendente per ottenere consulenza sull’esercizio dei diritti di voto. In qualità di membro della Fondazione Ethos e dell’Ethos Engagement Pool, insieme ad altre casse pensione, Previs cerca anche di instaurare un dialogo costante con le aziende. Il diario sui voti espressi nelle singole assemblee generali è pubblicato periodicamente su www.previs.ch.

Concetti importanti

Soglia d’ingresso

Limite del reddito annuo al di sopra del quale il lavoratore deve essere obbligatoriamente assicurato nella previdenza professionale. Il salario annuo minimo nel 2019 ammonta a CHF 21’330.

Somma di coordinamento

La somma di coordinamento serve a conciliare le prestazioni della previdenza professionale (LPP) con quelle dell’AVS. A partire dal 2015 Previs raccomanda 7/8 della rendita massima di vecchiaia AVS. Nel 2019 l’importo è di CHF 24’885. Per i lavoratori a tempo parziale con o senza tener conto del grado di occupazione.

Salario assicurato

Il salario annuo, al netto della cosiddetta trattenuta di coordinamento, è sottoposto all’assicurazione obbligatoria. (cfr. Somma di coordinamento). Questa parte del salario è denominata salario coordinato (assicurato o computabile). È possibile che questo salario venga limitato.

Prestazione di libero passaggio

Gli assicurati che lasciano una cassa pensione prima dell’insorgere di un caso di previdenza hanno diritto a una prestazione d’uscita (prestazione di libero passaggio). L’ammontare della prestazione d’uscita è stabilito nel regolamento dell’istituto di previdenza. Le prestazioni di uscita di altri istituti di previdenza nonché gli averi su conti di libero passaggio e su polizze di libero passaggio devono essere versati a Previs (art. 3 LFLP).

Aliquota di conversione

L’aliquota di conversione è la percentuale regolamentare per il calcolo della rendita di vecchiaia annua in base al capitale di risparmio disponibile (avere di vecchiaia). L’aliquota di conversione minima è fissata dal Consiglio federale e si applica solo alla parte obbligatoria (cfr. Regime obbligatorio e sovraobbligatorio). Con un capitale ad esempio di CHF 100’000 e un’aliquota di conversione del 5.8%, la rendita annua ammonta a CHF 5’800.